Crea sito

 

 

LA SCOPERTA DE L’AMERICA (1890)

di Cesare Pascarella

(sonetti scelti)

 

 

Siamo al punto della storia in cui l’equipaggio di Colombo, sbarcato finalmente in America, entra in contatto con gli indigeni...

 

 

 

XXIX


- E quelli? - Quelli? Je successe questa:
Che mentre, lì, frammezzo ar villutello
[1]
Cusì arto, p'entrà’ ne la foresta
Rompeveno li rami cor cortello,

Veddero un fregno buffo, co' la testa
Dipinta come fosse un giocarello,
Vestito mezzo ignudo, co' 'na cresta
Tutta formata de penne d'ucello.

Se fermorno. Se fecero coraggio...
- A quell'omo! - je fecero, - chi sete? –
- Eh, - fece, - chi ho da esse? Sò un servaggio.

E voi antri quaggiù chi ve ce manna? -
- Ah, - je dissero, - voi lo saperete
Quando vedremo er re che ve commanna. -

 

 

 

XXX


E quello, allora, je fece er piacere
De portalli dar re, ch'era un surtano,
Vestito tutto d'oro, co' 'n cimiere
De penne che pareva un musurmano.

E quelli allora, co' bone maniere,
Dice: - Sa? Noi venimo da lontano,
Per cui, - dice, - vorressimo sapere
Si lei siete o nun siete americano. –


- Che dite? - fece lui, -  de dove semo?
Semo de qui, ma come so’ chiamati
'Sti posti, - fece, - noi nu' lo sapemo. -

Ma vedi si in che modo procedeveno!
Te basta a dì che lì c'ereno nati
Ne l'America, e manco lo sapeveno.

 

 

 

XXXI


E figurete allora tutti quelli!
Ner védeli così senza malizia,
Je cominciorno a dì: - Famo amicizia...
Viva la libertà... Semo fratelli...

E intanto l'antri su li navicelli,
Ch'aveveno sentito la notizia,
Capirno che la cosa era propizia,
Sbarcorno tutti giù da li vascelli.

E quelli je sbatteveno le mano:
E quell'antri, lo sai come succede?,
Je daveno la guazza, e a mano a mano

Che veddero che quelli ci abboccaveno,
Che agiveno co' tutta bona fede,
Figurete si come li trattaveno!

 

 

 

XXXII


Li trattaveno come ragazzini;
Pijaveno du' pezzi de specchietti,
'Na manciata de puje
[2], du' pezzetti
De vetro, un astuccetto de cerini...

Je diceveno: - Eh? Quanto so’ carini!
- Voler controcambiare vostri oggetti? -
E tutti quanti queli poveretti
Je daveno le spille e l'orecchini.

Figurete! Ce fecero la mozza
[3]:
E lì le ceste d'oro, così arte,
Le portaveno via co' la barozza
[4].

Eh, me fai ride! Come je le daveno?
Quanno me dichi che da quele parte
Lì li quatrini nu' li carcolaveno!

 

 

 

XXXIII


Perché er servaggio, lui, core mio bello,
Nun ci ha quatrini; e manco je dispiace:
Ché lì er commercio è come un girarello,
Capischi si comè? Fatte capace:

Io sò 'n servaggio, e me serve un cappello:
Io ci ho 'n abito e so che a te te piace,
Io te do questo, adesso damme quello,
Sbarattamo la roba e semo pace.

E così pe’ li generi più fini,
E così pe’ la roba signorile;
Ma loro nun ce l'hanno li quatrini.

Invece noi che semo una famija
De 'na razza de gente più civile,
Ce l'avemo e er Governo se li pija.

 

 

 

XXXIV


Ma lì nun ce sò tasse e le persone
T'agischeno secondo er naturale:
Lì nun ce trovi tante distinzione,
'Gni servaggio che vedi è un omo uguale.

Che dichi? che nun ci hanno l'istruzione?
Ma intanto so’ de core e so’ reale;
E tu finché lo tratti co' le bone
Nun c'è caso che lui te facci male.

Vor dì che si ce fai la conoscenza,
Che quelli te spalancheno le braccia,
Be' tu nun j'hai da fa’ 'na prepotenza.

Si quello te viè’ a fatte le carezze
E invece tu je dài li carci in faccia,
Se sa, quello risponne co' le frezze
[5].

 

 

 

Si parla adesso di ciò che accade a Colombo una volta tornato in Spagna...

 

 

 

XLI


E lui fu accorto peggio d'un sovrano.
Li re, l'imperatori, le regine,
Te dico, je baciaveno le mano:
Le feste nun aveveno mai fine.

E dapertuttoquanto er monno sano,
Fino ar fine de l'urtimo confine,
Onori... feste... E dopo, piano piano
Cominciorno li triboli e le spine.

Ché l'invidiosi che, ‘gni giorno, viveno
De veleno, ner vede’ uno ch'arriva
A fa’ quello che loro nun ci arriveno,

Je cominciorno come li serpenti,
Mentre che lui nè manco li capiva,
A intorcinallo ne li tradimenti.

 

 

 

XLIII


Ma come? Dopo tanto e tanto bene,
M'avressi da bacià dove cammino,
E invece? Me fai mette le catene?
Me tratti come fossi un assassino?

E tu sei Gasperone... Spadolino...
E che sangue ci avrai drento a le vene?
Er sangue de le tigre? De le jene?
E che ci avrai ner core? Er travertino?

Ma come?! Dopo tutto quer ch'ho fatto,
Che t'ho scoperto un monno e te l'ho dato,
Mo' me voi fà passà’ pure pe matto?

Ma sarai matto tu, brutto impostore,
Vassallo, porco, vile, scellerato;
Viè de fora, che me te magno er core!

 

 

 

XLIV


Cusì j'avrebbe detto a quel'ingrato.
Invece quello, quello ch'era un santo,
Rimase fermo lì, cor core sfranto,
Senz'uno che l'avesse consolato.

E quelli che je s'ereno rubato
La scoperta, l'onori, tutto quanto,
Nun je diedero pace, insino a tanto
Che loro non lo veddero schiattato.

Eh, l'omo, tra le granfie der destino,
Diventa tale e quale a un giocarello
Che te càpita in mano a un regazzino:

Che pò esse’ er più bello che ce sia,
Quando che ci ha giocato un tantinello,
Che fa?, lo rompe, e poi lo butta via.

 

 

 

XLV


E poi semo sur solito argomento,
Ch'hai voja a fà, ma l'omo è sempre quello!
Ponno mutà li tempi, ma er cervello
De l'omaccio ci ha sempre un sentimento.

Ma guarda! Si c'è un omo de talento,
Quanno ch'è vivo, invece de tenello
Su l'artare, lo porteno ar macello,
Dopo more, e je fanno er monumento.

Ma quanno è vivo nu' lo fate piagne’,
E nun je fate inacidije er core,
E lassate li sassi a le montagne.

Tanto la cosa è chiara e manifesta:
Che er monumento serve per chi more?
Ma er monumento serve per chi resta.

 

 

 

 



 

homepage

romanesco

Giordano Bruno e Campo de' Fiori

 

 



[1] Muschio.

[2] Gettoni che si usano nel gioco, “fiches”.

[3] Vendemmia.

[4] Barroccio, carro a due ruote usato per il trasporto dei barili di vino.

[5] Frecce.