Crea sito

FRANCESCA FARINA

 

 

 

Ninna Nanna del partigiano

 

 

Capelli, che io mai accarezzai,

ciocche scomposte nel freddo della morte,

e piaghe aperte, oscura malasorte,

e denti stretti come fieri o cani,

 

apparteneste a ignoti partigiani

che della carne fecero le tombe

delle speranze fresche, liete onde,

e vi immolaste sopra eterni altari.

 

Dormite, adesso, ma mai voglio scordare

il vostro sonno e il grido alto e teso

e il sangue che discorse come fiume

 

delle vene squarciate in crepe amare,

a riempire d’orrore l’universo,

finché tornaste figli a madri nude.

 

 

                                                                                                 

 

 

                                                           pagina precedente

                                                                                                 homepage

 

 

 

Info: en.meloni@gmail.com